Font Size

SCREEN

Cpanel

La teoria del nucleo secondo Heisenberg e Majorana

Premessa.

Oltre mezzo secolo fa, preparandomi per l'esame di fisica teorica, nel {tooltip}testo{end-link}L. Schiff, "Meccanica quantistica" Ediz. Scientifiche Einaudi, 1952 (pag. 436).{end-tooltip} che adoperavo, mi sono imbattuto in un riferimento a "Über die Kerntheorie" di Ettore Majorana; quel nome allora a me sconosciuto, sembrava molto siciliano ed incominciai ad informarmi. Appresi così della sua esistenza e del suo tragico destino. Ho dovuto attendere fino al 1975 per conoscere la sua vicenda terrena dalla penna di Leonardo Sciascia.  Incominciai  a coltivare il sogno di potere un giorno leggere l'articolo in lingua originale e di tradurlo in {tooltip}italiano{end-link}Esiste una traduzione fatta dallo stesso Majorana sulla Rivista Scientifica nel 1933.{end-tooltip}; adesso che ho potuto farlo – una ciliegia tira l'altra - mi è venuta la curiosità di fare lo stesso per i tre lavori di Heisenberg, {tooltip}citati{end-link}W. Heisenberg, ZS f. Phys. 77, 1932; 78, 156, 1933 ; 80, 587, 1933. Per quanto mi risulta mai, in precedenza, tradotti in lingua italiana.{end-tooltip} da Majorana nel suo articolo e vedere a quali risultati egli perveniva, apportando una correzione alla teoria originale di Heisenberg, che lo stesso, aveva approvato. Successivamente, avendo reperito l'articolo di H. Yukawa "On the Interaction of Elementary Particles", apparso nel 1935 nella rivista giapponese Progress of Theoretical Physics, ho aggiunto la traduzione di quest'ultimo a motivo del filo storico che unisce i cinque lavori.

Sulla Struttura dei nuclei atomici. I. - Di W. Heisenberg

Sulla Struttura dei nuclei atomici. I

Di W. Heisenberg, a Lipsia.

Con 1  illustrazione. (Pervenuto il 7 Giugno 1932)

Vengono discusse le conseguenze dell’ipotesi che i nuclei atomici siano costituiti da protoni e neutroni senza contributo degli elettroni. § 1. La funzione hamiltoniana del nucleo. § 2. Il rapporto fra carica e massa e la particolare stabilità del nucleo di He. § da 3 a 5. Stabilità dei nuclei e serie di disintegrazione radioattiva. § 6. Discussione delle ipotesi fisiche fondamentali.

Sulla Struttura dei nuclei atomici. II. - Di W. Heisenberg

Sulla Struttura dei nuclei atomici. II

Di W. Heisenberg, attualmente ad Ann Arbor, Michigan.

Con 3 illustrazioni. (Pervenuto il 30 Luglio 1932)

§ 1.Stabilità dei nuclei con numero pari e dispari di neutroni, § 2. Diffusione di raggi $\gamma$ nel nucleo atomico. § 3. Le proprietà del neutrone.

Sulla Struttura dei nuclei atomici. III. - Di W. Heisenberg

Sulla Struttura dei nuclei atomici. III

Di W. Heisenberg, a Lipsia.

Con 1  illustrazione. (Pervenuto il 22 Dicembre 1932)

§ 1. Applicazione del metodo Thomas – Fermi al nucleo atomico, § 2. Diffusione di raggi $\gamma$ nel nucleo atomico. § 3. Discussione delle supposizioni sulla natura del neutrone.

Sulla Teoria del Nucleo. - Di E. Majorana

Sulla teoria del nucleo

Di Ettore Majorana, attualmente a Lipsia.

Con 3  illustrazioni. (Pervenuto il 3 Marzo 1933)

Viene discussa una nuova motivazione della teoria del nucleo di Heisenberg, la quale conduce ad una funzione hamiltoniana alquanto diversa. In base a ciò, viene sviluppata una trattazione statistica dei nuclei.

Sei qui: Articoli > Storia della Fisica